Si comunica che con Deliberazione di GC n. 215 del 24/05/2017 il Comune di Camaiore (LU) ha deliberato la propria adesione alla Carta di Partenariato tra Parti Contraenti l’Accordo pe il Santuario Pelagos e i Comuni delle medesime ricadenti nelle sue acque rivierasche, come prevista dalla Raccomandazione COP4/REC9 adottata formalmente dalla Conferenza delle Parti del Santuario Pelagos tenutasi nel 2009.

Si tratta della 85^ adesione deliberata da un Comune Italiano ricadente nel Santuario Pelagos, in particolare della 25^ per la Regione toscana.

Ad oggi, hanno aderito a tale rilevante iniziativa 85 dei 111 Comuni costieri ricadenti nell’area del Santuario Pelagos delle 3 Regioni interessate (Liguria, Toscana e Sardegna), per una percentuale totale del 77% del totale aventi diritto.

In particolare, a livello delle singole Regioni sono stati raggiunti ad oggi i seguenti risultati:

LIGURIA: 49 Comuni aderenti su 63 aventi diritto, pari al 78 % su scala Regionale

TOSCANA: 25 Comuni aderenti su 35 aventi diritto, pari al 71 % su scala Regionale

SARDEGNA: 11 Comuni aderenti su 13 aventi diritto, pari al 85 % su scala Regionale  

L’iter di approvazione di tale adesione è già stato avviato, come previsto con il supporto del Comitato Nazionale di Pilotaggio: ad approvazione avvenuta, si provvederà ad organizzare la prevista cerimonia di sottoscrizione della Carta, possibilmente in modalità congiunta con il Comune di Pisa.

 

I seguenti comuni hanno rinnovato la propria adesione alla Carta di partenariato Pelagos:

Bergeggi (SV)                                  

Costarainera (IM)

Camporosso (IM)

Castagneto Carducci (LI)

Cecina (LI)

Cervo (IM)

Chiavari (GE)

Cipressa (IM)

Finale Ligure (SV)

Imperia (IM)

Livorno (LI)

Noli (SV)

Spotorno (SV)

San Bartolomeo al Mare (IM)

Taggia (IM)

Vallecrosia (IM)

Il Segretariato permanente e le autorità dell'Accordo ringraziano le amministrazioni comunali per il loro rinnovato interesse ed impegno nella protezione dei mammiferi marini e del Santuario Pelagos.

Giovedì 1 giugno, alle ore 9.30 presso il Porto Marina di Scarlino, si terrà la cerimonia ufficiale di sottoscrizione della Carta e consegna della Bandiera del Santuario Pelagos.

Con tale sottoscrizione, la Parte Italiana consegue l’83esima adesione al Partenariato di un proprio Comune rivierasco del Santuario Pelagos, pari al 76% del totale nazionale: in particolare, si tratta della 24esima nella Regione Toscana su 35 Comuni aventi diritto, pari al 68% su scala Regionale, ed al 55% su scala Provinciale Grossetana.

 

Nel corso della cerimonia si terranno i seguenti eventi:

“A scuola di Cetacei”: comunicazioni divulgative rivolte agli studenti delle scuole Comunali

“Conferenza sul Santuario Pelagos”, comunicazioni divulgative rivolte al pubblico

Laboratori educativi sul Santuario ed i Cetacei rivolti agli studenti delle scuole Comunali

Escursione in mare su una motovedetta della Guardia Costiera

 

Alla cerimonia interverranno le seguenti Autorità:

Marcello Stella,  Sindaco di Scarlino

CV (CP) Aurelio Caligiore, Comandante del R.A.M. - Reparto Ambientale Marino del CC.PP. – Guardia Costiera

On.le Sottosegretario Silvia Velo – Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare

Federica Fratoni – Assessore Ambiente Regione Toscana

 

 

L’8 aprile 2017, nel comune di Vecchiano, si è tenuto l’incontro «Attività di tutela dei cetacei nel Santuario Pelagos. La costa del Comune di Vecchiano», in occasione del quale la bandiera Pelagos è stata issata sul territorio comunale: http://cascinanotizie.it/vecchiano-il-santuario-pelagos-tutela-dei-cetacei-marini

Il 5 aprile 2017, in presenza degli studenti che partecipano al progetto di sensibilizzazione «Sezione blu» ( http://www.ponentevarazzino.com/2017/01/20/88454/ ), il comune di Varazze ha issato la bandiera Pelagos, testimone dell’impegno di tale municipalità nell’ambito della Carta di partenariato Pelagos.

Decreto francese n.2017-300 dell'8 marzo 2017 che riguarda i dispositivi di condivisione delle posizioni volti ad evitare le collisioni tra le navi e i cetacei nelle aree marine protette Pelagos e Agoa (Antille). pdf Cliccare qui

 

 

Da sinistra a destra : Xavier Sticker, Ambasciatore francese con delega all’Ambiente e Presidente della Riunione delle Parti dell’Accordo Pelagos; Ségolène Royal, Ministro francese dell’Ambiente, dell’Energia e del Mare, con incarico per le Relazioni internazionali sul clima; Gilles Tonelli, Consigliere di Governo - Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione; S.A.S. il Principe Alberto II di Monaco ; Gian Luca Galletti, Ministro italiano dell’Ambiente e dela Tutela del territorio e del Mare; Fannie Dubois, Segretario esecutivo dell’Accordo Pelagos.

 

L’Accordo di sede tra il governo di S.A.S. il Principe di Monaco, le Parti e il Segretariato permanente dell’Accordo Pelagos, è stato firmato il 3 aprile 2017 presso la Residenza del Ministro di Stato del Principato di Monaco, in presenza di S.A.S. il Principe Alberto II di Monaco, di Ségolène Royal, ministro francese dell’Ambiente, dell’Energia e del Mare con incarico per le Relazioni internazionali sul clima, di Gian Luca Galletti, ministro italiano dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e di Karmenu Vella, commissario europeo per l’Ambiente, gli Affari Marittimi e la Pesca.

Tale firma ufficializza l’arrivo del Segretariato permanente dell’Accordo Pelagos nel Principato di Monaco e ne assicura la sua indipendenza rispetto al paese ospitante. L’insediamento del Segretariato nel Principato di Monaco faciliterà del resto la cooperazione con i segretariati delle altre organizzazioni intergovernative quali, tra gli altri, ACCOBAMS e RAMOGE, ottimizzando così gli sforzi della Francia, dell’Italia e del Principato di Monaco per la tutela dei mammiferi marini e del loro habitat.

 

Tale iniziativa s’inscrive nell’ottica di una riorganizzazione più generale della governance dell’Accordo Pelagos, che riflette la volontà comune ai paesi di rinforzarne la direzione. Tra le misure adottate a tale scopo, il Principato di Monaco ha aumentato la sua contribuzione finanziaria, ormai eguale a quella degli altri paesi membri, che permette così il funzionamento del Segretariato permanente dell’Accordo. Sempre con l’intento di rispettare l’equità nella rappresentazione dei paesi in seno alla governance, l’equipe del Segretariato permanente, inizialmente francese, è attualmente internazionale e la Presidenza del Comitato scientifico e tecnico, prima prerogativa del Principato, sarà ricoperta a turno da tutti i paesi ed è attualmente assicurata dall’Italia.

Le autorità dell’Accordo sono già a lavoro per la realizzazione di attività di ricerca innovative e misure di gestione efficaci. È inoltre prevista prima della fine dell’anno, l’uscita di tre bandi a progetto internazionali su tematiche considerate prioritarie, quali: l’inquinamento fisico-chimico, l’inquinamento da plastiche e reti fantasma, il pericolo di collisione delle navi con i grandi cetacei.

 

L'Accordo Pelagos festeggia 15 anni alla "Monaco Ocean Week" il 3 aprile 2017.